la Giustiziapunto beige piccolo introduzione

nel libro

punto beige (cornici di) marche tip.

punto beige cornici architettoniche

punto beige riquadri e medaglioni

punto beige testatine ecc.

punto beige piccolo testatine (1), (2)
punto beige piccolo finalini
punto beige piccolo capilettera

punto beige antiporte e front. inc.

l'immagine

attributi

punto beige la bilancia e la spada

punto beige piccolo storia (1), (2), (3)

punto beige la benda (1), (2), (3)

punto beigelibri

punto beigealtro


"persona"

punto beige figura femminile

punto beige bambini

punto beige assente: soli attributi



varie:

mano, occhio
triangoli (1), (2)
simmetria
Hypnerotomachia


bibliografia

ringraziamenti


[a cura di a.l.]

riquadri e medaglioni incisi:

Ne major poena quam culpa sit, 1794

vignetta incisa: la Giustizia
Calcografia dal front. di: Philippi Mariae Renazzi ... Elementa juris criminalis liber I. [-IV.] ... - Editio quarta Italica. - Senis : ex typographia Aloysii, et Benedicti Bindi, 1794. - 4 v. - 8 [F.A. 130 /1-4]

La Giustizia bendata tiene con la mano destra la bilancia, che ha nei due piatti da una parte un peso e dall'altra un ramoscello d'olivo, mentre con la mano sinistra regge un libro che tiene aperto sulle ginocchia. La spada è a terra, sotto i suoi piedi; sullo sfondo una colonna; su un nastro il motto: Ne major poena quam culpa sit.


La preoccupazione che la pena non sia maggiore della colpa denuncia una data avanzata, con alle spalle anni di pensiero illuminista, come appunto il 1794 in cui Renazzi pubblica la sua opera.

Sui bracci della bilancia il peso della pena deve tenersi in equilibrio con il rametto d'olivo. La spada è in secondo piano, anzi sotto i piedi, mentre al pari della bilancia resta in evidenza il libro. Con l'effetto involontariamente comico che si ha vedendolo aperto sulle ginocchia di una figura bendata, che non può leggerlo.